• Viaggiare in aereo
  • Utile per chi viaggia
20 Maggio 2021

Rimborso biglietto aereo: come funziona e quando ti spetta

Tutti i nostri parcheggi adottano misure di sicurezza extra per il COVID-19

Sapevi che i viaggiatori Europei sono tra i più tutelati al mondo?

Le leggi a tutela dei passeggeri di voli all’interno dell’EU infatti offrono ancora più garanzie di quelle degli Stati Uniti, secondi classificati...e questo a prescindere dalla compagnia aerea!

Non tutti ne sono a conoscenza, ma chi viaggia in Europa è protetto dalla “carta dei diritti del passeggero”. 

La “carta dei diritti del passeggero è un documento redatto dall’ENAC, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, che riassume i diritti di ogni passeggero in caso di controversie, a cui tutte le compagnie che operano nell’Unione Europea devono aderire.

Tu conosci i tuoi diritti? 

In questo articolo ci concentreremo in particolare sul rimborso del biglietto aereo cercando di spiegarti in modo chiaro tutto quello che c’è da sapere!
 

Rimborso biglietto aereo non utilizzato: come funziona

“Quando si può chiedere il rimborso del biglietto aereo?”

Il rimborso totale del biglietto aereo si può sempre chiedere in questi casi:

  • Il tuo volo ha accumulato un ritardo superiore a 5 ore, e hai preferito rinunciare alla partenza
  • Il volo è stato cancellato o modificato, e il volo alternativo che ti è stato offerto non è adatto alle tue esigenze
  • Prima della partenza hai subito la perdita di un parente di primo grado, o tu stesso hai riscontrato dei seri problemi di salute che ti hanno impedito di usufruire del biglietto

Guardiamoli meglio uno per uno 
 

Rimborso biglietto aereo per ritardo o cancellazione

Potrai chiedere un rimborso per cancellazione molto semplicemente nel caso in cui la compagnia aerea non effettui la tratta prevista o ne modifichi gli orari rendendola inadatta alle tue esigenze. 

In questi casi la compagnia aerea ti offre di solito un volo alternativo, ma tu non sei obbligato ad accettare la loro offerta nel caso in cui questa fosse incompatibile con le tue esigenze di viaggio. 

Avrai sempre diritto ad un rimborso totale e addirittura ad un risarcimento che è compreso tra i 250 e i 600 euro nel caso in cui tu non venga informato almeno 14 giorni prima della partenza. 

Le stesse condizioni si applicano quando il tuo volo porta più di 5 ore di ritardo. Inclusa la possibilità di richiedere un risarcimento, la cui entità varia a seconda della tratta. 

Per ottenere il rimborso totale del biglietto basta fare riferimento al sito della compagnia aerea. E’ sempre buona pratica ovviamente effettuare tale richiesta in forma scritta, preferibilmente tramite PEC, o comunque contattare la compagnia stessa. 

I termini per effettuare la richiesta, in Italia, sono di 26 mesi.
 

Rimborso biglietto aereo per malattia

La legge prevede che il passeggero costretto ad annullare il viaggio per cosiddetti “fatti sopraggiunti, non imputabili” debba ricevere un rimborso totale dei costi sostenuti. 

I “fatti sopraggiunti, non imputabili” sono appunto dei fatti imprevisti ed imprevedibili, avvenuti a te o a parenti di primo grado, che impediscono la tua partenza.

Questi possono essere:

  • un’improvvisa malattia;
  • un incidente;
  • il lutto di un congiunto;
  • un qualsiasi evento grave avvenuto in seguito alla prenotazione del viaggio.

Purtroppo non tutte le compagnie sono sempre perfettamente corrette, e spesso può capitare che pongano obiezioni, soprattutto se non hai acquistato un’assicurazione sul viaggio. 

Il consiglio è di inviare la richiesta di rimborso per iscritto il prima possibile, magari attraverso PEC, e sempre prima della partenza del volo. 

Fai attenzione ad allegare tutti i documenti richiesti, come i certificati medici che dimostrino il problema, e armati di pazienza. 
 

Rimborso biglietto aereo per rinuncia volontaria

In caso di mancata partenza non è imputabile a un disservizio della compagnia aerea purtroppo non avrai diritto ad alcun rimborso…

In questi casi l’unica cosa che può salvarti è un’ottima assicurazione di viaggio... Una cosa che non tutti sanno però è che, nel caso in cui tu non parta, avrai sempre diritto al rimborso delle tasse aeroportuali anche se questo accade come risultato di una tua scelta del tutto volontaria. 

Le tasse aeroportuali incidono per circa il 40% sul costo totale, quindi è un’ottima opzione chiedere il rimborso di quest’ultime nel caso in cui tu dovessi semplicemente decidere di non partire.

Puoi spesso farlo attraverso il sito della tua compagnia aerea, entro 30 giorni dalla partenza. 
 

Come ottenere il rimborso del biglietto aereo

Per ottenere il rimborso spesso è sufficiente compilare i moduli disponibili sul sito della compagnia aerea. Per ottenere il risarcimento invece ti segnaliamo alcune realtà come 

Tutte queste compagnie si avvalgono di un’equipe di legali che prende in carico la tua richiesta di risarcimento portandola avanti autonomamente, in caso di successo tratterranno una percentuale della cifra che ti viene attribuita dalla compagnia aerea. 

E’ un servizio molto comodo perché non dovrai anticipare un euro e non dovrai preoccuparti di tutta la parte burocratica. 

Nessuno ci paga per consigliarli, ma lo facciamo lo stesso perché da viaggiatori lo troviamo un servizio comodo e funzionale! 
 

Speriamo che tu adesso abbia le idee più chiare sui tuoi diritti di viaggiatore...ma facci pure sapere se ti interessa questo argomento!

Su ParkingMyCar abbiamo una politica di rimborsi molto conveniente perché ci teniamo a farti viaggiare tranquillo. Potrai sempre cancellare la tua prenotazione entro 24h dal check-in avendo diritto ad un rimborso totale. 

Scrivici sui nostri canali social se vorresti che parlassimo di più dei diritti del passeggero, e non dimenticare di taggarci su Instagram nelle tue stories di viaggio!